La scelta

Scritto da Davide Boschi on .

altAncor prima e ancor più della scelta del tipo di serramento da installare in casa propria, oggi, il problema principale, è quello di scegliere il SERRAMENTISTA giusto... Cioè a dire colui che, in forza della propria “professionalità” e conoscenza applicata dell’argomento, sarà in grado di fornirvi ed installarvi il prodotto più adeguato al costo più contenuto.

Il serramentista autentico, infatti, è ormai diventato un mammifero in via d’estinzione e la nostra stimatissima “sig.ra Maria” non è in grado, il più delle volte, nemmeno di distinguerlo in mezzo alla popolosissima fauna “allogena” sviluppatasi nel settore.

Abbiamo visto addirittura dei “gelatai” (con tutto il rispetto dovuto alla categoria), passare dagli alimentari alla politica e una volta falliti pure in quella, diventare magicamente serramentisti con “decinaia” di anni d’esperienza alle spalle.

Rappresentanti, sia del settore in questione che di tutt’altro, trasformarsi abilmente in navigati esperti del serramento; operai che sono stati fermi qualche anno fra due banchi di lavoro sublimarsi in imprenditori, impavidi “squali” dei cantieri e dell’edilizia. Insomma, soggetti d'ogni genere che, a vario titolo, sono di fatto diventati “serramentisti” presenti in quantità più che cospiqua nel settore. Com’è stato possibile?

È presto detto: le moderne tecniche di produzione hanno consentito, con la creazione di appositi centri di lavoro, di automatizzare e robotizzare quasi in toto quelle che una volta erano le procedure prevalentemente manuali di costruzione del prodotto (finestra o porta), rendendolo in pratica un pret-à-porter, o meglio, un pret-a-monter… Confezionato… Ma??? Qualcuno si è dimenticato del fatto che, il serramento, come quasi ogni altra “creazione”, va prima concepita in base al contesto che dovrà occupare e poi installata nel medesimo al fine di funzionare. E sembra poco detto così, ma è proprio in quel poco che, troppo spesso, casca l’asino con tutto il carico.

Ricordo tanti anni fa quando per primo “osai” uscire dal capannone ed esporre in vetrina, nella centralissima p.zza Garibaldi, le nostre finestre e le nostre porte, blindate e non. La gente si fermava solo perche non aveva mai visto una finestra in vetrina ed era veramente incuriosita. Da allora i negozi che vendono serramenti a mò di frutta & verdura, si sono moltiplicati come i pani e i pesci della parabola, nascono e muoiono come i funghi (si perche i funghi oltre a nascere alla svelta, muoiono anche alla svelta, specialmente se nessuno li raccoglie), così me ne sono tornato al capannone perche non mi va di essere confuso con gli altri (sono davvero presuntuoso).

Morale della favola: per “fare” il serramentista, oggi, basta rivolgersi a qualche centro di lavoro, acquistare a buon prezzo una camionata di prodotti sbagliati di misura e quindi in giacenza a magazzino, esporre il tutto in un negozio che altrimenti non lo affitterebbero più neanche ai cani, darsi un bel nome di fantasia, che so: "casa del serramento" e mettersi belli sorridenti sulla porta a sparare cazzate. Davvero, non serve nient’altro; non un attestato, non un certificato, non c’è da superare alcun esame d’idoneità. È sufficiente che sappiate sparare cazzate, a nastro.

Chiaramente non può durare tanto, ma questo lo si sa già in partenza. Basta essere preparati e, una volta finiti gambe all’aria, rialzarsi in fretta per una nova avventura, più grande e più gloriosa di prima.. Magari "La Città del Serramento", oppure "Il Villaggio dei Gelati", o ancora "l'Outlet di Chissà che Cosa…"

Vi capisco benissimo, scegliere il serramentista giusto oggi, non è facile per niente, ma posso darvi un consiglio: badate più che altro a quanto, il soggetto che state esaminando, è interessato a capire il vostro problema; quanto è disposto a spendere del suo tempo per valutare le opzioni del vostro lavoro e quanto gli interessa rendervene consapevoli. Se scrivono soltanto dei numeri su un foglio, vi stanno prendendo in giro, come quando dicevano che il loro gelato era il più buono…

Adesso hanno imparato a dire che il loro è quello che costa meno, ma stavolta non lo potete "assaggiare"…

Diffidate di chi vi sta offrendo un numero, non è un numero quello che state cercando, anche se a loro sta comodo farvelo credere... E se avete bisogno “URGENTE” dei serramenti… Bèh, allora: auguri!

Un saluto a tutti.

Davide

Questo utilizza Cookie. Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Informativa Cookie.