Cerca
  • Davide Boschi

Serrature e cilindri a pompa. Aggiornamenti e conversioni


Molto fin qui si è detto a proposito della vulnerabilità dellevecchieserrature a doppia mappa(per quellenuoveil discorso è ben diverso), oggi considerate quasi tutte manipolabili edapribili con destrezza, senza lasciare alcuna traccia di effrazione o di scasso. Ormai famoso è diventato in questo senso il"grimaldello o ferro bulgaro", ovvero l'arnese che, fra gli altri, consente a chi lo sa usare di far funzionare anche senza le "chiavi proprie" queste serrature.

Quasi niente invece si è raccontato sulla medesima sorte che pure hanno subito leserrature azionate da cilindro a pompa, per le quali, similmente alle doppie mappe, esistono da qualche tempogrimaldelli autocodificantiin grado di violarne l'ingegno generando progressivamente l'impronta della chiave originale.


Per le solite ragioni, da sempre sostenute in questo sito e che attengono al rispetto delle leggi sulla non istigazione al crimine, non staremo qui a mostrarvi nel dettaglio questi attrezzi né a descriverne compiutamente il funzionamento o le tecniche di l'utilizzo. Abbiamo l'obbligo di precisare, però, almeno a tutela del consumatore e utente finale di queste serrature che, fra gli attrezzi presi in causa, ve ne sono alcuni dotati di comode testine intercambiabili che consentono, per mezzo di un singolo ed unico grimaldello, di poter agire a danno di quasi tutte le principali serrature a pompa, anche quando diverse per marca e modello.

Va detto che, quasi tutte le case produttrici di cilindri a pompa, hanno recentemente provveduto ad armare i propri cilindri di nuovi dispositivi in grado di contrastare in qualche modo l'apertura con questi attrezzi (come già era successo per le serrature a doppia mappa), ma va detto anche che,noi, siamo riusciti a fare qualcosa di più:

Grazie al lavoro sinergico e alla collaborazione di diversi esperti, abbiamo costruito una serie di apparati che possono convertire buona parte delle serrature a pompa verso la tipologia di chiavi più avanzate del momento.Si tratta delle chiavi a cifratura alveolare e a duplicazione protetta.

Fino a ieri, queste chiavi potevano lavorare e funzionare solo o principalmente nel cilindro detto aprofilo europeo. Adesso, si possono montare su quasi tutte le serrature a pompa già distribuite in Italia e normalmente montate su portoni ed oscuranti in legno.

Le protezioni passive di questo nuovo prodotto sono quelle che da sempre caratterizzano i migliori cilindri a pompa, interamente in acciaio inox e acciaio temprato; in qualche caso, sono anche raddoppiate per quantità e migliorate per affidabilità e resistenza allo scasso brutale, ovvero allo strappo, al taglio e alla perforazione.


L'ingegno utilizzato per la chiusura del rotore è quello del cilindro Keso 4000S, disponibile anche nelprofilo personalizzato Galileodistribuito a circuito chiuso.


2 visualizzazioni

Copright 2020 Tutti i diritti risevati - Boschi Serrature di Davide Boschi - Via Ponte Ghiara 40 - 43036 Fidenza (PR)
P.I. 02755420342 - C.F. BSCDVD62T09B034

Privacy

informativa cookies